Funding Mobility Management
Language:     en | cz | de | fr | it
ECOMM website allinx feedback subscribe unsubscribe fullscreen news archive
share on facebook
Caro lettore,
dove trovare soldi da dedicare al mobility management? Questa è una ottima domanda! L’edizione 2012 del Monitoraggio europeo sul Mobility Management (EU Mobility Management Monitor 2012) dimostra che la competenza sul mobility management varia a seconda dei Paesi ed è spesso diviso tra diversi Ministeri. Ogni paese ha il proprio contesto di riferimento e agenda politica e offre opportunità di finanziamento differenziate per il MM. Mettereno in evidenza alcuni utili programmi di finanziamento di misure di MM a livello regionale e locale. Daremo un rapido sguardo a un’iniziativa rivolta al trasporto pubblico e alle possibilità offerte da una lotteria.

 

 

Incrementare il MM a livello regionale

Sistemi di finanziamento in Finlandia

Source: www.eltis.org

Il Programma sul Mobility Management finlandese aiuta le regioni a dare avvio al mobility management nella propria area di competenza. Nel 2010, Il Ministero dei Trasporti e della Comunicazione e l’Agenzia dei Trasporti Finlandese ha finanziato 13 progetti di MM. Lo scorso anno, il secondo Programma sul MM ha finanziato 13 nuovi progetti per un importo complessivo di 230.000,00 euro, coinvolgendo nuove regioni e nuovi finanziatori come il Ministero dell’Ambiente e il Fit for Life Program. I progetti coinvolgono una vasta gamma di servizi rivolti a diversi gruppi di utenza. Alcuni esempi:
  • Campagna in bicicletta a lavoro nelle Regione di Turku (2012)
  • Il Progetto Loop per sviluppare delle regole di MM per le scuole primarie nell’area metropolitana di Helsinki (2010)
  • Liikkuva (in finlandese significa in movimento) incoraggia i ragazzi tra 13 e 19 anni a spostarsi in modo intelligente in molte città della Fillandia per andare a scuola e durante i viaggi di svago.
Nel 2012, il governo finlandese ha introdotto una sovvenzione statale per il Mobility Management (500.000,00 euro). La sovvenzione statale è stata assegnata a 14 progetti in regioni che già lavoravano sul Mobility Management, ma anche ad alcune nuove regioni che hanno da poco iniziato ad impegnarsi in tale ambito. Con la sovvenzione, la regione di Oulu, ad esempio, organizzerà attività di formazioni sul MM per i comuni e le aziende, creerà un portale regionale sulle misure di MM e favorirà la promozione della mobilità ciclistica, per esempio organizzando il Congresso internazionale sulla bicicletta in inverno.

 

 

I car club in Scozia

Source: www.momo-cs.eu

Per ridurre l’utilizzo dell’automobile privata, Transport Scotland ha promosso nel 2010 il programma di sviluppo dei Car Club in Scozia. Il programma offre supporto tecnico e finanziario ai nuovi car club scozzesi e a quelli già esistenti, con il supporto di una Associazione di car sharing. Nell’arco di due anni, sono stati istituiti 11 nuovi car club, sono stati iscritti 600 nuovi membri e sono state risparmiate 148 tonnellate di CO2 all’anno (per ulteriori informazioni Programme Review 2010-2012). Nel 2013 il programma continua a supportare nuovi car club e investe nella realizzazione di molti nuovi progetti, tra i quali un car club peer-to-peer, dove privati noleggiano la propria auto a coloro che ne hanno bisogno.

 

 

BYPAD in Belgio

Photo credits: Missvain

Già 6 comuni nella regione di Bruxelles (nel 2012 6 in più nel 2013) e 13 (2011) nella regione di Walloon (in francese) sono state supportate dai propri organi governativi regionali nell’elaborazione del piano comunale della bicicletta con l’aiuto di BYPAD (Bicycle Policy Audit). BYPAD consente un’analisi approfondita della politica sulla mobilità ciclistica sulla cui base è stato creato un piano di azione su misura. Per promuovere la ciclabilità nella regione di Walloon, l’amministrazione ha assegnato 18 milioni di euro a 10 dei comuni BYPAD per realizzare le azioni contenute nel proprio piano della mobilità ciclistica nell’arco di 4 anni. Con questo tipo di finanziamento, entrambe le regioni di Walloon e Bruxelles sperano di realizzare un sostanziale cambiamento modale in favore della bicicletta. Attualmente, solo l’1% degli spostamenti viene effettuato in bicilcletta nella regione di Walloon e il 3% in quella di Bruxelles (BELDAM ricerca nazionale sulle abitudini di spostamento quotidiane in Belgio, report in francese). BELDAM sarà presentata ad ECOMM nella sessione B3.

 

 

Pensa globalmente, agisci localmente

Creare crescita attraverso l’aumento della sostenibilità

Nel 2011, il dipartimento dei Trasporti del Regno unito ha pubblicato il proprio Libro Bianco “Creare crescita, riducendo il carbonio” (‘Creating growth, cutting carbon’). Con questo documento programmatico e il relativo Fondo per il Trasporto Locale Sostenibile, il governo ha voluto tagliare le emissioni di carbonio e stimolare la crescita economica locale. Per realizzare questi obiettivi, sono stati resi disponibili 600 milioni di sterline per progetti locali attraverso cui affrontare la congestione e promuovere modalità di spostamento sostenibili con interventi infrastrutturali e misure di mobility management. Complessivamente 96 progetti, per 77 diversi enti locali hanno ricevuto finanziamenti nel periodo 2011-2015. Alcuni esempi:
  • South Central Bedfordshire Smarter Routes to Employment: ha l’obiettivo di sviluppare un pacchetto mirato (a datori di lavoro, disoccupati, residenti in comunità a basso reddito) di misure di trasporto sostenibile per facilitare la creazione di 17.000 nuovi posti di lavoro e 14.700 nuove case. Questo pacchetto include, tra gli altri, il mioglioramento e la promozione di infrastrutture per la ciclabilità e i bus, lo sviluppo di un sito per la pianificazione degli spostamenti, la distribuzione di informazioni sui trasporti alle famiglie e la promozione di viaggi attivi (Active Travel) in occasione di eventi locali.
  • Hampshire Sustainable Transport Towns: ha l’obiettivo di promuovere modalità di spostamento sostenibili tra i residenti e le aziende in 6 città attraverso lo sviluppo di un Network per la pianificazione degli spostamenti, il miglioramento delle informazioni di viaggio (informazioni sugli autobus in tempo reale presso chioschi o attraverso smartphone) e incoraggiando la mobilità ciclistica attraverso attività di formazione sulla bicicletta, gare di ciclismo ed eventi sulla ciclabilità. Con le misure di MM, il progetto punta a ridurre di 6.700 tonnellate le emissioni di CO2 all’anno entro il 2015.

 

 

Verso una norvegia carbon neutral

Trondheim, la terza città più grande della Norvegia (180.000 abitanti), è considerata una relatà che fa tendenza nel campo della mobilità sostenibile (lo scorso anno sono stati dati anche soldi ai pedoni e ai ciclisti durante la Settimana Europea della Mobilità!). Nel 2012, il Consiglio di Trondheim ha approvato un nuovo pacchetto per i trasporti sostenibili. Circa 1.300 milioni di euro (metà del budget totale) sarà utilizzato per infrastrutture stradali, ma 160 milioni saranno utilizzati per progetti sulla ciclabilità e 270 milioni di euro per le infrastrutture e il servizio del trasporto pubblico. Il sistema di tassazione della città sovvenzionerà il 70% del budget totale che sarà utilizzato da ora al 2025 per le infrastrutture stradali, i progetti di ciclabilità, il trasporto pubblico e un centro di consultazione sulla mobilità. Un grafico molto interessante mostra le differenti fonti di finanziamento per l’area centrale e le spese previste per l’area della prima cintura urbana. Il pacchetto sarà a breve approvato dal parlamento norvergese, forse saranno introdotte ancora alcune modifiche nella quota nazionale delle entrate.

Dal 2009, Transnova, un organismo governativo nazionale affiliato all’amministrazione norvergese delle strade pubbliche, offre contributi a esperienze locali e progetti pilota che riducono le emissioni di CO2. Le aziende, le organizzazioni e le autorità locali e regionali possono richiedere finanziamenti per progetti che aumentano l’utilizzo dei mezzi di trasporto a basso impatto sul clima e riducono le necessità di spostamento. Il budget complessivo di Transnova nel 2013 è di 12 milioni di euro. Qui una lista di progetti finanziati.

 

 

Viaggiare gratis a Tallinn

Source: Depositphotos

Dal 1° gennaio 2013, i 400.000 residenti di Tallinn possono usufruire di un servizio gratuito di trasporto pubblico nella propria città. Il comune di Tallinn crede che questa iniziativa valga oltre 12 milioni di euro in termini di cambio modale dall’automobile al trasporto pubblico. La misura di MM è il risultato di un referendum: 68.059 residenti vi hanno preso parte e il 75,5% ha votato in favore. Una conferenza internazionale ha supportato l’iniziativa. Oltre a diventare una capitale più verde, la città vuole anche migliorare il benessere e l'inclusione sociale dei suoi residenti.

 

 

E per quanto riguarda la lotteria?

Source: Depositphotos

  • Nel Regno Unito, il Big Lottery Fund dà 600 milioni di serline dell’annuale Lotteria Nazionale a gruppi di community e progetti che migliorano la salute, l’educazione e/o l’ambiente. La Big Lottery ha permesso la realizzazione di 50 progetti Active Travel di successo (2008-2012). Ad esempio il Progetto Get Moving North Tyneside ha portato alla riduzione della percentuale dei dipendenti che si spostano da soli con l’automobile al 7% e ha portato al 15% la percentuale di dipendenti che si spostano in bicicletta per andare a lavoro. Nel 2012 oltre un terzo dei dipendenti si sono convertiti a modalità sostenibili. Il Progetto Fitter for Walking ha aiutato 150 community appartenenti a 12 diversi realtà locali di 5 regioni dell’Inghilterra a promuovere la pedonalità. L’86% di questi progetti ha infatti ottenuto come risultato l’aumento dei pedoni nell’area e il 78% delle persone ha registrato un incremento nel camminare (per ulteriori informazioni consulta il report di evaluation.
  • A dicembre 2012, la Lotteria Nazionale in Belgio ha pubblicato due nuovi inviti per presentare progetti, uno su lo sviluppo sostenibile (NL & FR)(€ 2.000.000) e uno su la povertà e l’inclusione sociale (NL & FR)(€ 2.537.000). Queste call offrono opportunità di finanziamento per progetti di MM nel 2013. Inoltre, la Lotteria Nazionale supporta il sistema nazionale di bike sharing implementato in 41 stazioni ferroviarie (Blue bike).

 

 

Lo sapevate che… ?


  • … la pagina dedicata alle fonti di finanziamento europee sul sitoweb Eltis offre una panoramica sui più importanti programmi di finanziamento sul tema della mobilità urbana sostenibile e il MM? Cliccando su un programma specifico, è possible approfondire la conoscenza degli obiettivi del programma, il periodo di validità del programma e l’URL, che collega direttamente al sito web del programma.
  • … la Commissione europea sta considerando l’ipotesi di rendere i finanziamenti europei accessibili solo alle città che hanno un Piano della Mobilità Urbana Sostenibile (Sustainable Urban Mobility Plan - SUMP)? Questa proposta è stata esaminata in una consultazione pubblica tenutasi tra settembre e dicembre 2012 su “Lo sviluppo futuro della dimensione urbana dei trasporti” (The Future Development of the Urban Dimension of Transport). Il CIVITAS Political Advisory Committee concorda nel collegare i finanziamenti europei per la realizzazioni di progetti sui trasporti urbani ai SUMP, ma afferma che questo non dovrebbe essere un pre-requisito per l’azione che freni l’iniziativa (Per ulteriori informazioni Position Paper). La consultazione pubblica e la revisione del Piano di Azione sulla Mobilità Urbana fornirà le basi delle future comunicazioni in merito alla dimensione urbana della politica dei trasporti europei nel 2013. Sarà possibile discutere di ciò con i rappresentanti della Commissione a ECOMM (nella sessione plenaria e nella sessione A3) .
  • … il programma Klima:aktiv mobil, l’iniziativa austriaca sulla protezione del clima, continuerà per altri 7 anni? Il programma precedente si è svolto dal 2007 al 2012 e ha avuto molto successo: il programma ha assegnato 51,1 milioni di euro a 2.900 progetti, è riuscito a ridurre di 1,76 milioni le tonnellate di CO2 ed a creare o garantire 4.300 posti di lavoro (report del 2007-2011). La seconda fase è iniziata a febbraio 2013 e continuerà a supportare investimenti per flotte rispettose dell’ambiente, mobility management, e-mobility, ciclabilità ed energie rinnovabili fino al 2020.

 

 

Eventi futuri





Per altri eventi, ti invitiamo a consultare il Calendario EPOMM.

 

ECOMM website allinx feedback subscribe unsubscribe fullscreen news archive