Mobility Centres
Language:     en | de | fr | it | hu | cz
ECOMM website allinx feedback subscribe unsubscribe fullscreen news archive
 
Caro lettore,

secondo il progetto SUMOBIS "Un mobility centre è la vetrina ed il motore comunicativo di una politica di mobilità sostenibile" (tradotto da: Guide d'évaluation de projet SUMOBIS, p. 13). Probabilmente questo è il motivo per cui i Mobility Centre si stanno ampiamente diffondendo in tutta Europa. In questa edizione di e-update focalizzeremo l’attenzione sulla definizione di Mobility Centre, sulle differenze organizzative e sulla vasta gamma di servizi prestati. Inoltre, sarà possibile trovare notizie utili sul prossimo Network Europeo dei Mobility Centre, che a breve permetterà di viaggiare senza confini in Europa in modo sostenibile.

Ultime notizie: il Belgio, attraverso la Belgium Platform on Mobility Management (BEPOMM), ha aderito ad EPOMM - EPOMM dà il benvenuto al suo 11 membro!

La registrazione è solo per ECOMM a 25 Può essere!

 

 

Cos’è un Mobility Centre?

Si definisce Mobility Centre (MC) un centro che fornisce apposite informazioni e servizi sulla mobilità, non solo in merito al trasporto pubblico, ma anche per parcheggi, carsharing, bike sharing ecc. (sulla base della definizione sviluppata in Max, p. 15). Un MC può operare a livello urbano o regionale a seconda dei servizi di mobilità forniti. Sebbene il trasporto pubblico sia il cuore di un MC, i servizi che si rivolgono esclusivamente alla vendita dei biglietti per il trasporto pubblico e a fornire informazioni sugli orari di arrivo e di partenza non sono considerati veri e propri Mobility Centres (maggiori informazioni sul sito web della ILS - Institute für Landes- und Stadtentwicklungsforschung).
Idealmente, un MC ha un ufficio "fisico", in cui recarsi e contattabile telefonicamente o tramite email, ed uno "virtuale", consistente in un sito web che offre informazioni sulla multimodalità, la pianificazione del viaggio, ecc. (ad esempio Helsinki Region Transport in Finlandia, Mobil Zentral a Graz, Austria e Centrale di Mobilità a Milano, Italia). Sebbene l’ICT stia acquistando sempre più importanza, la presenza di uffici fisici rimane importante (per esempio SUMOBIS).
La presenza di personale qualificato, formato per dare consulenze sulla mobilità, costituisce uno degli standard minimi per un MC (per maggiori informazioni vedi la presentazione del primo MC nato a Graz. Nazionale dell'Energia in Francia, ha realizzato uno studio sullo stato dell'arte nazionale dei consulenti di mobilità, che ha portato al formale riconoscimento della funzione del "mobility manager" in Francia. È in corso la formalizzazione delle competenze del mobility manager e della formazione necessaria per assolvere a tale funzione.

 

 

Struttura organizzativa

Mobility Centre in Graz

Guide to Mobility Centre in Padua

Mobility Centre in Padua

A Mobility Centre viewed from inside

La creazione e la gestione di un MC richiede la cooperazione di diversi partner: spesso i diversi operatori del trasporto pubblico, gli enti locali, regionali e/o nazionali, gli uffici turistici, le aziende, ... È necessario un budget consistente, di cui la maggior parte destinato a sostenere il costo del lavoro. Qualche anno fa, ILS ha stimato che il costo totale può variare tra 50.000 e 500.000 euro l'anno, a seconda delle dimensioni del MC e dei servizi forniti.

Molti Mobility Centres sono stati avviati con finanziamenti governativi nazionali o regionali, per esempio:
  • In Austria, klima:aktiv mobil, iniziativa per la protezione del clima del Ministro Austriaco per la Gestione dell’Agricoltura, delle Foreste, dell’Ambiente e delle Acque, ha finanziato la creazione di 11 nuovi MC in Austria e una rete di 13 MC in Styria (per ulteriori informazioni, in tedesco).
  • Il Governo Fiammingo (Belgio) ha sostenuto la creazione di 5 MC, uno in ogni provincia, e del comune sito web Slimweg, in stretta collaborazione con le autorità provinciali e tutti i provider di modalità di trasporto sostenibile (per ulteriori informazioni, puoi leggere un caso studio sul primo MC ad Antwerp).
  • In Francia, lo sviluppo di iniziative a scopo occupazionale in quartieri svantaggiati, sostenute dal Ministero, ha comportato la realizzazione di 18 Mobility Centre (in francese).

Spesso gli operatori del trasporto pubblico, gli enti locali ed altre organizzazioni (agenzie per l'energia, uffici turistici) offrono finanziamenti (aggiuntivi) per istituire un MC. Negli ultimi 10 anni, molti MC sono stati istituiti attraverso il supporto di progetti europei. Recentemente ciò è accaduto per:
  • CIVITAS Elan: A marzo 2012 sono stati aperti a Lubiana tre Mobility Info Shop. Questi Mobility Info Shop forniscono informazioni sul trasporto pubblico in città e sulle ferrovie slovene. Si prevede che, entro la fine dell’anno, almeno uno di questi tre diventerà un vero e proprio Mobility Centre.
  • Progetto SEE MMS (South East European Mobility Management Scheme project): entro la fine di giugno 2012, le città partner di SEE MMS implementeranno 10 nuovi MC. Alcuni esempi rappresentativi:
    • MC di Lecce (Italia, aperto il 29/11/2011): situato strategicamente all’ingresso principale della città e con 2 stand in città. Servizi forniti: vendita di biglietti ed informazioni sui trasporti urbani e suburbani, sui parcheggi gestiti, sui servizi di bike sharing.
    • MC di Padova (Italia, aperto il 19/12/2011): situato nella stazione ferroviaria di Padova, presso l’Ufficio Turistico, con il quale condivide il sito web (in italiano). Il Mobility Centre è contattato circa 50 volte al giorno.
    • MC di Atene (Grecia, aperto il 10/04/2012): situato presso il Tourism & Development Agency Info Point presso l’Aeroporto internazionale di Atene. Il MC ha l’obiettivo di essere non solo un centro di servizi ed informazione per turisti e residenti, ma anche una unità operativa e di coordinamento del Mobility Management (MM) di Atene.
  • SUMOBIS (2009-2011): ‘Transport Offices’ sono stati istituiti a Tolosa, Burgos, Oviedo, Ponferrada ed un ufficio virtuale a Huelva.

 

 

Con un piccolo aiuto da parte di un MC...









A seconda del contesto locale, un Mobility Centre può offrire molti servizi:
La Transport for London (UK) in vista delle Olimpiadi di Lodra, si è posta una vera e propria sfida: ridurre la domanda di viaggio del 30% durante questo periodo. Per raggiungere tale scopo, si sta lavorando con 50 intermediari commerciali, che coprono 200.000 aziende a Londra, per dare informazioni sulle alternative di viaggio e per stimolare a viaggiare meno, nelle ore di morbida e con una diversa modalità di spostamento. E’ stato sviluppato un Self Help toolkit in modo da permettere alle aziende di sviluppare il proprio "Games time action plan". Le restrizioni dei parcheggi saranno rafforzate lungo la Olympic Route in modo da ridurre i ritardi ed alcuni segnali saranno oscurati per permettere una più libera circolazione. I veicolin degli atleti saranno dotati di dispositivi di localizzazione, in modo da permettere al Centro di Controllo di rilevare eventuali rallentamenti e trovare percorsi alternativi. Per maggiori informazioni, guarda il video Keeping London Moving

 

 

Brand del futuro Network Europeo dei Mobility Centres

Da giugno 2012 sarà istituito, nell'ambito di SEE MMS, il primo Network Europeo dei Mobility Centre (cfr. NET MC). Questo network raccoglie e collega tra di loro tutte le informazioni sul trasporto pubblico e i dati disponibili sulle modalità di trasporto sostenibili, fornite dai membri della rete. SEE MC NET offrirà a cittadini e turisti informazioni professionali e di alta qualità che permetteranno loro di compiere in modo sostenibile viaggi tansfrontalieri in Europa.

Tutti i Mobility Centres Europei possono aderire gratuitamente al network inviando una richiesta alla sede MC NET (contatto: Konstantina Tsamourtzi, Athanasios Chaldeakis o Ingrid Briesner). Se la domanda viene accettata, l’adesione prevedrà la fornitura e la pubblicazione di tutti i dati e le informazioni richieste sulla piattaforma SEE MC NET. I membri saranno premiati con il simbolo blu del Mobility Centre.

 

 

Nuove pubblicazioni sul MM

  • Sustainable Transport, Mobility Management and Travel Plans. Marcus Enoch, Loughborough University, UK.
    Tutto quello che c'è da sapere sui piani di spostamento: cosa li rende speciali? Come si assomigliano? Quanto sono usuali e quanto sono efficaci? Per maggiori informazioni.
  • Best European practices in promoting cycling and walking. Transport Research Centre Verne, Tampere University of Technology, Finland.
    Il libro offre le più recenti conoscenze su come promuovere la ciclabilità e la pedonabilità. Offre molti punti di vista, soluzioni e idee per i pianificatori e i decisori nelle città, nei comuni e nelle pubbliche amministrazioni. Per maggiori informazioni.

     

 

Prossimi eventi

 
  • Final Conference SEE MMS
    11-12 giugno - Atene (Grecia)

  • Cities for Mobility World Congress
    1 – 4 Luglio - Stuttgart (GE)
    more information

  • BYPAD Beginner's training
    2 - 4 Luglio - Graz (Austria)
    more information

Per maggiori informazioni, ti invitiamo a visitare EPOMM Calendar.

 

 
ECOMM website allinx feedback subscribe unsubscribe fullscreen news archive