Funding Mobility Management
Language:     en | cz | de | fr | it
ECOMM website allinx feedback subscribe unsubscribe fullscreen news archive
 share on facebook

Major of Gavle at opening speech
Fotografia: Rober Stüssi

Caro lettore,

negli ultimi giorni di maggio, circa 300 professionisti del settore della mobilità si sono riuniti a Gävle, Svezia, per la 17^ edizione della Conferenza Europea sul Mobility Management (ECOMM). Gävle è un luogo stimolante per i mobility manager, essendo una città compatta in cui tutti i luoghi di interesse sono concentrati ad una distanza percorribile a piedi o in bicicletta dal centro città. Inoltre, la città ha adottato una procedura di rimozione della neve che assegna priorità alle piste ciclabili (che vengono spalate dopo che sul suolo si sono depositati 4 cm di neve) rispetto alle strade (10 cm). Anche il sindaco ha fatto il suo ingresso a ECOMM in bicicletta.

Quest’anno la Conferenza ha avuto molti contributi sull’emergente economia della condivisione (sharing), sull’utilizzo delle tecnologie di informazioni e della gamification per promuovere l’abbandono dell’automobile, sull’importanza dei benefici fiscali ed economici del Mobility Management per la società e sugli strumenti per le città per valutare le proprie politiche di mobilità urbana sostenibile. Tutte le presentazioni sono disponibili online e in questa edizione di e-update sono riportati gli spunti e i temi salienti di questa stimolante edizione di ECOMM.

Save the date!

Il prossimo anno, ECOMM si terrà a Firenze, Italia, dal 7 al 9 maggio 2014.

Sei interessato ad ospitare ECOMM nel 2015?

Invia la candidatura dal 31 ottobre 2013 – Per informazioni clicca qui

 

 

I trasporti sostenibili come parte della vita quotidiana

 

Il tema di quest’anno era focalizzato su come far diventare i trasporti sostenibili parte della vita quotidiana. Ciò ha particolare importanza per la regione di Gävle, in quanto molti degli abitanti vivono in aree rurali, compiono lunghi percorsi per raggiungere la città e necessitano di un facile accesso a modalità di trasporto sostenibili che agevoli gli spostamenti intermodali di tutti i giorni. Alcune delle migliori soluzioni di mobilità hanno ricevuto il Premio Synaptic durante ECOMM.

Il mobility management consiste in “misure soft per influenzare il viaggio prima del suo inizio”, come ha affermato a ECOMM il moderatore Christer Ljungberg. E poiché è meglio iniziare da giovani, un gruppo di studenti svedesi della scuola superiore è stato invitato a condividere i risultati della loro indagine sulla mobilità sostenibile e alcune iniziative che hanno realizzato, come un giorno di viaggi gratuiti in autobus per tutti coloro che mostravano al conducente la chiave della propria auto.

Quest’anno la sessione di apertura si è conclusa con un “elenco” di cosa i mobility manager dovrebbero fare secondo il tavolo di lavoro:

  • Fornire la prova degli effetti reali del MM (Mark Major, DG MOVE)
  • Lavorare sull’integrazione delle misure e delle politiche (Christof Marx, EACI)

  • Sviluppare nuove soluzioni nello spirito dell’economia della condivisione (Ronald Haverman, MyWheels)

  • Impostare buoni esempi, dare alle persone modelli di ruolo (Odette Van de Riet, EPOMM)

  • Utilizzare la narrazione come strumento efficace per influenzare le persone (Swedbank)

 

 

L’economia della condivision

Ronald Haverman di MyWheels (NL) nei Paesi Bassi ha aperto la conferenza con una interessante panoramica sul l’emergente economia della condivisione  che secondo lui cambierà la mobilità. Ci sono molti servizi on line per condividere le nostre case, i nostri pasti e le nostre attrezzature con gli altri. Le iniziative di car sharing peer-to-peer applicano la filosofia dello sharing (condivisione) all’utilizzo dell’automobile. Così come la fiducia è la valuta della nuova economia della condivisione, la reputazione online delle persone diventerà il loro bene più importante nel futuro (consulta TED talk on trust dell’autore Rachel Botsman). Mentre il bike sharing ha successo nella maggior parte dei casi (consulta la presentazione di Benoit Beroud di Mobiped e l’intervento sul bike sharing di Ronald Haverman), il car sharing peer-to-peer risulta essere un servizio difficile da lanciare. MyWheels (NL) ha adottato un approccio diverso, combinando il car sharing peer-to-peer con un servizio MyWheels realizzato con flotte di veicoli privati in car sharing. La loro applicazione è anche collegata con la piattaforma car pooling Toogethr (NL), così è possibile istantaneamente offrire di condividere il proprio viaggio MyWheels con un compagno di car-pooling. Friso Metz di KpVV ha spiegato perchè le città dovrebbero promuovere il car sharing invece di lasciarlo al mercato.

Gunnar Granberg ha presentato l’applicazione SpaceTime che combina un planner di viaggio multi-modale con un sistema di organizzazione degli equipaggi di car pooling. SpaceTime aiuta, quando possibile, gli utenti a organizzare gruppi di viaggio con altre modalità di spostamento. Un altro esempio stimolante è arrivato da Skjutsgruppen, una piattaforma car-pooling che ha più di 30.000 membri in Svezia (consulta la loro pagina Facebook in svedese e in alcuni casi in inglese). Nello spirito della teoria dei sei livelli di separazione, hanno integrato Facebook e Twitter nella loro piattaforma per dimostrare che uno sconosciuto in automobile non è altro che un amico di un loro amico. Per l’introduzione del car pooling, la massa critica è il principale ostacolo da superare. Tom Murray Willis di Contemporary Transport ha mostrato come aver dato un incentivo economico di 1 sterlina a viaggio in car pooling abbia reso il programma Salisbury Car Share due volte più efficace e il miglior programma di car pooling sul mercato.

 

 

Evidenze sperimentali

 

Mark Major di DG MOVE già durante il discorso di apertura ha puntualizzato: noi abbiamo bisogno di comunicare le prove dell’efficacia del Mobility Management. Colin Black di Contemporary Transport ha analizzato con il suo intervento il processo che ha permesso in Gran Bretagna di produrre un’enorme mole di evidenze sperimentali in favore del MM, ma che non ha dato luogo ad un’adozione su vasta scala del MM come politica prioritaria. A Londra, invece, i Giochi Olimpici del 2012 hanno portato la città a implementare un imponente programma di mobility management, con campagne di comunicazione, vistosi cartelli rosa informativi, molti steward vestiti di rosa per informare le persone “sul territorio”, e così via. Consulta la presentatione di Iain Macbeth.

Inoltre, molta della documentazione sui risultati è disponibile sulla pagina LinkedIn Contemporary Transport. Sarah Martens di Mobiel 21 ha riassunto alcuni degli importanti risultati che il MM può produrre. Dati interessanti sono stati prodotti anche dalla Belgian federal mobility surveys presentata da Peter Andries, mentre Sophie Tyler di The Means ha dimostrato come modalità sostenibili possano offrire una via di uscita dalla recessione. La discussione #ecomm2013 più animata su Twitter sull’impatto del mobility management è stata quella sui trasporti pubblici gratuiti, dopo le iniziative di successo condivise dal Comune di Avesta in Svezia.

 

 

Salute

 

Christian Schweizer del WHO ha presentato il Transport, Health and Environment Pan-European Programme (the PEP) che riunisce i principali attori di questi tre settori interessati dai trasporti. Schweizer ha dimostrato come le 4 cause principali di morte prematura in Europa sono fortemente influenzate dal traffico, non ultimo dall’eccessivo rumore (consulta il rapporto Burden of disease from environmental noise). Lo strumento Health Economic Assessment Tool (HEAT) del WHO può essere utilizzato per quantificare monetariamente i benefici sulla salute derivati dai cambiamenti modali in favore della pedonalità e della ciclabilità.

In un paese nordico come la Svezia, il tema della ciclabilità invernale è destinato a crescere di interesse. Diverse presentazioni hanno evidenziato i benefici sulla salute della ciclabilità e la loro riduzione durante “la pausa invernale” (consulta la presentazione di Anna Ahlgren del Comune di Örebro in Svezia e Erik Stigell di Trivector Traffic). La campagna annuale sulla ciclabilità invernale nella regione di Gävleborg ha dato incentivi ai ciclisti per continuare a pedalare anche in inverno (consulta la presentazione del Comune di Linköping).

 

 

Il Premio EPOMM

 

Dal 2012, EPOMM premia le migliori esperienze di trasferimento delle politiche: EPOMM Best Policy Transfer Award.

Quest’anno il Premio è stato assegnato al Progetto MOBALB sul mobility management urbano in Albania. La regione delle Fiandre ha supportato la Città di Scutari in Albania nell’introduzione e nello sviluppo di politiche di mobility management. Ciò è stato realizzato con il supporto dell’Istituto dei Trasporti di Tirana. Inoltre, Nektar Duma del Comune di Scutari in Albania ha fatto una presentazione sulla consolidata cultura ciclistica nella sua città, sulle regole informali vigenti nella gestione dello spazio comune alla base della convivenza nella città tra le auto e le modalità soft e le minacce rappresentate dall’incremento dell’impiego di autovetture. Sia Scutari, sia l'Istituto dei Trasporti hanno partecipato gratuitamente a questa edizione di ECOMM.

Il secondo posto è stato assegnato all’Associatione Vélocampus in Francia come esportatore e a UTravelActive in Gran Bretagna come importatore – per il trasferimento di un sofisticato Student Campus Bicycle Scheme.

Il terzo posto è stato assegnato come esportatore all’azienda di trasporto pubblico Horários do Funchal di Funchal sull’isola di Madeira in Portugallo e alla Città di Tallinn in Estonia come importatore– per il trasferimento di una Orienteering Competition sugli autobus.

 

 

Pianificare la Mobilità Urbana Sostenibile

Source: http://mobilityplans.eu

Una delle sessioni di ECOMM è stata dedicata ai Piani della Mobilità Urbana Sostenibile (SUMP), con presentazioni da parte di tre progetti europei che hanno sviluppato programmi di verifica dei SUMP: QUEST, ADVANCE e Ecomobility SHIFT.

Il giorno precedente ECOMM, il Progetto Ecomobility SHIFT ha lanciato il suo sistema di verifica e ha premiato le sei città che lo hanno testato con le loro “medaglie”: di bronzo a Oss (NL), Burgas (BG), Turnhout (BE), Dundee (UK) e Miskolc (HU), e d’oro a Lund (SE).

Lo stesso giorno, anche i 30 partner del Progetto ENDURANCE si sono riuniti a Gävle per il loro kick-off meeting. EPOMM è il capofila di questo progetto sui SUMP. Ulteriori informazioni sul progetto saranno rese disponibili nella e-update di settembre.

 

 

Tack, Sweden!

EU DG-MOVE representative Mark Major looking at the surprising voting result on mandatory MM-rules during his presentation

Ritorniamo alla Conferenza, ben organizzata e stimolante. Oltre alle tematiche citate in questa e-update, la conferenza è stata caratterizzata da interventi su IT e gamification (consulta anche l’ultima e-update), (e-)shopping, mobilità elettrica, MM per le merci, MM durante i lavori stradali, ciclabilità e metodi di ricverca – consulta qui tutte le presentazioni. Innovativa per la Conferenza è stata la nuova possibilità di voto durante le presentazioni, così come la realizzazione di un concorso su Twitter con premi riservati a coloro che inviavano i migliori tweets su #ecomm2013. Ciò ha permesso interessanti discussioni online e la condivisione delle intuizioni più suggestive. EPOMM spera di continuare la discussione con tutti voi durante il prossimo ECOMM a Firenze!

 

 

Eventi futuri

Per ulteriori eventi, ti invitiamo a visitare il Calendario EPOMM.

ECOMM website allinx feedback subscribe unsubscribe fullscreen news archive