Workplace Mobility Plans
Language:     en | de | fr | it | hu
ECOMM website allinx feedback subscribe unsubscribe fullscreen news archive
 

Caro lettore,

Nel 2011, EPOMM ha dato il benvenuto nel suo network a tre nuovi membri: Finlandia, Norvegia e Italia, portando a 10 il numero totale di paesi aderenti. In questa edizione di e-update, vogliamo presentarvi lo stato dell’arte del Mobility Management (MM) nei 3 nuovi Paesi membri e le ragioni per cui hanno aderito a EPOMM.
EPOMM è, inoltre, lieta di annunciare la disponibilità del nuovo database sulla ripartizione modale dei trasporti delle città (TEMS).

Infine, la call for papers di ECOMM 2012 è aperta – Trovi ulteriori informazioni qui.
Il termine ultimo per la presentazione delle candidature per ospitare ECOMM 2013 è il 31 ottobre 2011 – Ulteriori informazioni qui.

 

 

Norvegia










Piazza Festplassen a Bergen: una riqualificazione completta (©Rune Herdlevær)

Superficie: 385,186 km²
Popolazione: 4.9 millioni
Motorizzazione: 458 auto/1000 abianti
Ripartizione modale: auto 63% degli spostamenti giornalieri
Livello di avanzamento nel MM: Livello 2 (alcuni successi, alcuni fondi, parecchie iniziative iniziate)
National Focal Point (NFP): Norwegian Public Roads Administration(NPRA)

In Norvegia, gli obiettivi nazionali di riduzione dell’inquinamento locale e delle emission di CO2 hanno esercitato pressione sul settore dei trasporti per ottenerne un piano di azione. Road pricing, regolamentazione della sosta, miglioramento del trasporto pubblico, cambiamenti nell’utilizzo del territorio e misure di mobilità pedonale e ciclistica saranno gli elementi principali delle future politiche dei trasporti. La Norwegian Public Roads Administration (NPRA), tuttavia, sostiene la necessità di utilizzare misure a più ampio spettro, dirette non solo al mondo delle imprese, ma anche agli enti pubblici. Esiste l’esigenza di promuovere ulteriormente i Piani di spostamento per le aziende, il car sharing, il carpooling e altre misure di mobility management per ottenere un sistema di trasporti più sostenibile. Una “white paper” promossa nel 2007 indicava importanti passi da compiere per l’attuazione di misure di Mobility Management: il governo si proponeva di creare un centro nazionale competente in materia di MM, di valutare interventi legislativi per rendere obbligatori i Piani di Spostamento e di studiare la possibilità di modificare la tassazione dei benefit sui trasporti erogati dalle aziende in favore di modalità sostenibili. Questi Piani non hanno prodotto alcun risultato finora.

Con l’aiuto di EPOMM, NPRA spera di ottenere il riconoscimento e l’adozione del Mobility Management quale importante aspetto delle politiche e delle pratiche dei trasporti sostenibili. Uno dei primi passi che NPRA vuole realizzare è un network nazionale sul MM. Un punto di inizio sarà il network composto dalle città partecipanti alla Settimana Europea della Mobilità (NO) e i network già esistenti come Cities of the Future (Le città del Futuro) e la Norwegian Network of Cycling Cities. Inoltre, NPRA valuterà la possibilità di istituire un centro nazionale competente in materia di MM, proponendo modifiche alla regolamentazione della tassazione e dei benefit ai lavoratori per i parcheggi e i trasporti, nonché fondi dedicati alle misure di MM.

Inoltre, in Norvegia esiste un programma di finanziamento nazionale (sperimentale) a supporto di progetti di Mobility Management, chiamato TRANSNOVA (2009-2011). Nel 2010, la seconda fase del programma si è rivolto esplicitamente a progetti che promuovessero modalità di trasporto rispettose dell’ambiente in sostituzione dell’automobile. Gli oggetti dei progetti finanziati hanno incluso il carpooling, teleconferenze e webcasting, sistemi di bike sharing e la promozione di pedibus per andare a scuola.

"sono consapevole da tempo della bontà del lavoro realizzato da EPOMM, che merita sicuramente il supporto di molti più paesi europei di quelli che sono oggi membri."
Bjørn Sandelien - Norwegian Public Roads Administration


Ulteriori informazioni sullo stato dell’arte del Mobility Management in Norvegia sono disponibili nel Monitoraggio Norvegese sul Mobility Management (Norwegian Mobility Management Monitor MMM). Per informazioni sull’adesione della Norvegia a EPOMM, si prega di contattare Bjorn Sandelien della Norwegian Public Roads Administration.

 

 

Finlandia












Il visual per la Settimana Europea della Mobilità finlandese (©Motiva)


Superficie: 338,000 km²
Popolazione: 5.3 millioni
Motorizzazione: 515 auto/1000 abitanti
Ripartizione modale: auto 58% degli spostamenti giornalieri
Livello di avanzamento nel MM: Livello 2 (alcuni successi, alcuni fondi, parecchie iniziative iniziate)
NFP: Motiva Ltd.

Dopo anni di duro lavoro nel settore della sicurezza stradale, è giunto il momento per il settore dei trasporti finlandese di allargare la propria visione includendo il Mobility Management. Nel 2010, è stata fondata la Finnish Transport Agency per dare indicazioni sulle politiche dei trasporti in Finlandia. Le competenze dell’Agenzia includono la diffusione delle pratiche di Mobility Management. In tale attività, è assistita da Motiva Ltd, società esperta nella promozione dell’utilizzo efficiente e sostenibile dell’energia e dei materiali, che ha il ruolo di National Focal Point (NFP) per la Finlandia in EPOMM.

Il concetto di MM è stato introdotto in Finlandia da tre ampi progetti, realizzati tutti nel 2002, in materia di Mobility Management aziendale per l’introduzione di esperienze internazionali di MM. Nell’autunno 2010, sono stati avviati 13 progetti di MM finanziati dalla Finnish Transport Agency con l’obiettivo di realizzare Piani di azioni sul MM in cinque regioni e promuovere trasporti alternativi e sostenibili come la bicicletta, il trasporto pubblico, il carpooling, nonché piani di spostamento presso aziende e scuole, e servizi di prossimità. Durante l’annuale Settimana della Mobilità (FI) e la Settimana della Bicicletta, l’opinione pubblica è stata sensibilizzata sull’importanza di comportamenti più sostenibili. Inoltre, la Finlandia ha un portale web nazionale sui percorsi sostenibili (FI), che tuttavia non viene regolarmente aggiornato.

La partnership della Finlandia in EPOMM-PLUS ha permesso al Paese di costruire un network nazionale sul Mobility Management chiamato LIVE (FI), che già conta 330 membri. Importanti sfide da affrontare sono la valutazione e il monitoraggio delle misure di MM, per convincere sempre più gli stakeholder del settore dei trasporti dei benifici del MM e per rendere disponibili fondi per il MM alle Regioni. Attraverso la partecipazione in EPOMM, Motiva spera di incrementare in Finlandia le pratiche di MM imparando dalle migliori esperienze internazionali – specialmente dei paesi nordici vicini che hanno sistemi di trasporto molto simili. La Svezia, ad esempio, è membro di EPOMM dal 1999 ed è in una fase avanzata nella pratica del MM, con una buon network nazionale chiamato SWEPOMM. Sia la Finlandia, sia la Norvegia hanno adottato il principio Svedese dei 4 step, un metodo per integrare il MM con la pianificazione delle infrastrutture.

"Il comitato EPOMM sembra essere molto energico e ha molte idee per far crescere ulteriormente il concetto di Mobility Management."
Sonja Heikkinen - Motiva


Ulteriori informazioni sullo stato dell’arte del Mobility management in Finlandia sono disponibili nel Finnish Mobility Management Monitor -MMM (Monitoraggio Finlandese sul Mobility Management). Per ulteriori informazioni sul network MM LIVE, si prega di contattare Sonja Heikkinen di Motiva.

 

 

Italia







Dai, Muoviti! A video about urban mobility in Italy in the last 150 years.(©Euromobility) (Click the picture to watch the video)


Superficie: 301,338 km²
Popolazione: 60.3 millioni
Motorizzazione: 608 auto/1000 abitanti
Ripartizione modale: auto 65% degli spostamenti giornalieri
Livello di avanzamento nel MM: Livello 2 (alcuni successi, alcuni fondi, parecchie iniziative iniziate)
NFP: Euromobility

Dei tre nuovi membri, l’Italia ha l’esperienza più longeva nel settore del Mobility Management. Il concetto di MM è stato introdotto con un decreto del Ministero dell’Ambiente nel 1998, che ha introdotto la figura del mobility manager nelle aziende con più di 300 dipendenti in un’unica sede. Un secondo decreto del 2000 ha stanziato ulteriori fondi a fovore di iniziative di MM e ha esteso i settori di intervento agli spostamenti casa-scuola e alla realizzazione di Piani di Spostamento per poli diffusi di particolare attrazione, introducendo anche la figura dei mobility manager di area. Al momento in Italia sono stati istituiti 67 uffici del Mobility Manager d’area e circa 800 aziende hanno nominato un mobility manager. Ad oggi il Mobility Management in Italia è prevalentemente legato e ristretto al concetto di Piani di Spostamento per singoli poli di attrazione, come un’impresa o una scuola. Attraverso la rete EPOMM e la condivisione delle conoscenze di EPOMM, il NFP italiano Euromobility (l’Associazione dei Mobility Manager) spera di estendere il concetto di Mobility Management alla promozione della mobilità sostenibile, nonché alla gestione della domanda di trasporto privato attraverso misure "soft" quali la consapevolezza del viaggio, l’educazione alla mobilità e il marketing delle modalità di spostamento sostenibili.

Tuttavia, diverse città italiane hanno già ampliato la loro visione e stanno lavorando con successo a misure di MM come il car sharing, il bike sharing, il carpooling e campagne di comunicazione. Il Comune di Brescia, ad esempio, ha introdotto un servizio di shopping on-line per i dipendenti di aziende che hanno nominato un mobility manager, un progetto di carpooling con un computer di bordo che identifica l’equipaggio e calcola il costo di viaggio a carico di ogni persona, e il progetto "Prova il bus " che, per un mese, fornisce ai dipendenti un biglietto dell'autobus gratuito se scrivono le loro impressioni e i loro commenti su un diario di viaggio. Molti altri esempi sono disponibili su Eltis (esegui una ricerca per Italy e Mobility Management).

"Siamo molto felici di far parte di una comunità che dimostra un grande desiderio di condividere esperienze e che è molto aperta all’innovazione"
Lorenzo Bertuccio - Direttore Scientifico Euromobility


Ulteriori informazioni sullo stato dell’arte del Mobility Management in Italia sono disponibili nell’ Italian Mobility Management Monitor -MMM (Monitoraggio Italiano sul Mobility Management). Per informazioni sull’adesione dell’Italia a EPOMM, si prega di contattare Euromobility.

 

 

Benefici per i membri di EPOMM

EPOMM member states



EPOMM sta ancora attivamente allargando il suo network. L’unicità di EPOMM risiede nella caratteristica di avere come target le autorità nazionali, mentre altre organizzazioni e network si rivolgono ad autorità locali o regionali o a singoli individui. Più Paesi entrano in EPOMM, maggiori diveranno i vantaggi per i membri. Di seguito indichiamo una breve selezione di questi vantaggi:

  • Scambio di esperienze sulle misure di MM - creazione di una rete tra Paesi;
  • Supporto personalizzato per il trasferimento nel proprio Paese delle migliori politiche di altri Paesi o di Progetti Europei;
  • Supporto per la formazione e l’approfondimento di un network nazionale sul Mobility Management;
  • Miglioramento delle conoscenze del proprio Paese sui programmi di ricerca e progetti Europei;
  • Opportunità di partecipare a Progetti Europei in cui EPOMM è partner (ad sempio COMMERCE, SEGMENT);
  • Possibilità di influenzare le istituzioni europee nel riconoscere il MM quale strumento positivo per una politica di trasporti sostenibili;
  • Opportunità di ospitare la prestigiosa Conferenza Europea sul Mobility Management (European Conference on Mobility Management e di usufruire di uno sconto sulla quota di iscrizione riservato a tutti i partecipanti del proprio Paese;
  • Opportunità di tradurre e inviare EPOMM e-update come una newsletter nazionale.


Queste sono solo alcune delle ragione per cui fino ad oggi 10 paesi hanno deciso di unirsi a EPOMM. Ulteriori benefici possono essere trovati nella brochure di EPOMM. Per ulteriori informazioni, si prega di contattare il coordinatore di EPOMM, Karl-Heinz Posch.

 

 

Epomm.eu/TEMS presenta i dati di ripartizione modale dei trasporti delle città europee


EPOMM è lieta di presentare il nuovo database TEMS, contenente dati sulla ripartizione modale di tutte le città dell’Unione Europea con più di 100.000 abitanti (tali città sono oltre 600). Al momento il database contiene i dati di 148 città, che sono stati raccolti dai partner di EPOMM-PLUS. Questo numero è in costante crescita. Le città sono invitate ad eseguire l’aggiornamento dei propri dati direttamente sul database. Lo strumentoTEMS permette di trovare facilmente tutti i dati disponibili e di confrontare i dati di 20 città. Gli stati membri di EPOMM hanno la possibilità di accedere ad analisi più dettagliate del database.
Il database di valutazione del progetto MaxEva sta subendo un restyling e sarà presentato in un formato simile e molto più facile da utilizzare. Pertanto, EPOMM sta lavorando al miglioramento e alla standardizzazione della valutazione in Europa e per fornire i migliori strumenti ai suoi membri.

 

 

Notizie dai progetti collegati


Il sitoweb CIVITAS è stato rinnovato e contiene attualmente una raccolta ancor più ricca di informazioni con un design più attraente e facile da utilizzare. Visitalo e dai il tuo contributo attraverso il feedback form.

 

 

Eventi futuri







  • UITP Conference
    5-7 ottobre 2011 - Gothenburg, Svezia
    more information

  • CIVITAS Forum Conference
    17- 19 ottobre 2011 - Funchal, Portogal
    www.civitas.eu

  • MMove Final Conference
    16 novembre 2011 - Reggio Emilia, Italy

    Il progetto europeo MMOVE (Mobility Management Over Europe: changing mobility patterns) i suoi risultati nell’evento finale – consulta il programma.
    L'evento sarà al centro di un appuntamento di tre giorni dedicato alla mobilità sostenibile che coinvolgerà la città di Reggio Emilia, ospitando anche un incontro della Commissione Mobilità del network Eurotowns il 15 novembre e un workshop sulla mobilità ciclistica nelle aree urbane, organizzato dal network italiano CIVINET, il 17 novembre 2011.
Per altri eventi, ti invitiamo a visitare EPOMM Calendar.

 

 
ECOMM website allinx feedback subscribe unsubscribe fullscreen news archive