Cycle logistics – Moving goods by cycle
Language:     en | cz | de | fr | it
ECOMM website allinx feedback subscribe unsubscribe fullscreen news archive
share on facebook
Caro lettore,
Circa il 60% di tutti gli spostamenti nelle aree urbane si riferiscono al trasporto merci (questo numero sorprendente comprende dai trasporti in grandi camion commerciali ai semplici trasporti quotidiani per rifornire le abitazioni). Se si cambia la modalità di trasporto delle merci al di sotto dei 500 kg verso la bicicletta, la cycle logistic riuscirà a migliorare la qualità della vita nelle nostre città in modo considerevole.
La definizione di cycle logistic può essere ricondotta alla logistica professionale come i servizi di consegna, la raccolta dei rifiuti o i piccoli servizi commerciali. Abitualmente esso implica l’utilizzo di cargo bike (2, 3 o 4-ruote) e biciclette con rimorchio. Ma allo stesso tempo può riferirsi anche alla logistica privata – in cui biciclette normali, ben attrezzate con cesti, sacche, rimorchi, ecc. sono utilizzate per il trasporto della spesa o dell’attrezzatura per il tempo libero. Nell’ambito del progetto europeo CycleLogistics, sono presi in considerazione tutti questi tipi di logistica con la bicicletta per farne conoscere i vantaggi in tutta Europa. Se si guarda alle potenzialità della cycle logistic, ci si rende conto che questo approccio è molto più che una attività di nicchia. Il 42% di tutti gli spostamenti motorizzati nelle aree urbane potrebbe essere effettuato dalla logistica con la bicicletta (esso corrisponde al 25% di tutti gli spostamenti). Approfondisci questo argomento della city logistic in questo numero di e-update. Puoi trovare qui una dettagliata descrizione delle sue potenzialità.

Nella prossima ECOMM2013, si svolgerà una sessione speciale su “l’approccio del MM per le merci e le consegne”. Il termine ultimo per inviare la propria candidatura è il 10 dicembre.

 

 

Ritorno al futuro

Source: Stichting Oud Obdam-Hensbroek

Il primo corriere in bicicletta fu utilizzato nel 1881 dal British Post Office. Qualche decennio più tardi, molti commercianti utilizzarono questo tipo di bicicletta per effettuare consegne di pane, carne, latte ecc. Ecco perché queste biciclette sono anche chiamate biciclette del panettiere o del macellaio. A partire dalla fine degli anni venti del secolo scorso il “Long John” fece la sua apparizione per le strade della Danimarca. Questa bicicletta aveva una piattaforma di carico inserita tra la sella e la ruota anteriore. Oggi questo modello è molto popolare ed è conosciuta con il nome olandese di “bakfiets” (per ulteriori informazioni sulla storia delle cargo bike consulta il sito CycleLogistics).
Sembra che nelle ultime due decadi le cargo bike siano state riscoperte. Diversi modelli, in grado di trasportare fino 500 kg e con un prezzo che varia tra 800 e 6.000 euro, sono disponibili sul mercato (consulta ad esempio una panoramica di 67 cargo bike, l’inventario di biciclette da carico di CycleLogistics e velotransport (G)).

 

 

Consegna in bicicletta: in crescita in molti Paesi

Source: CycleLogistics photo database


Source: CycleLogistics photo database


Source: www.eltis.org


Anche se molto popolare specialmente nei Paesi bassi e in Danimarca, dove anche i campioni di liquido seminale vengono trasportati con le cargo bike alle cliniche per la fertilità, anche in altri Paesi i servizi di consegna in bicicletta stanno diventando sempre più popolari. Alcuni esempi:

 

 

Vantaggi e possibili svantaggi

Source: CycleLogistics photo database


Source: CycleLogistics photo database

Di seguito sono elencati i principali vantaggi dell’utilizzo delle biciclette al posto dei furgoni per il trasporto delle merci (sulla base di un ampio studio di Transport for London, 2009)
  • Costi minori: minori costi di acquisto, minori costi di gestione (tasse, assicurazione, deposito) e nessun costo di parcheggio. GobaX, un produttore di cargo bike tedesco ha calcolato che una pizzeria potrebbe risparmiare 6.300 euro all’anno se consegnasse le pizze con la bicicletta piuttosto che con l’automobile. Il Progetto CycleLogistics ha sviluppato anche il tema dei costi per i cargo bike.
  • Velocità nonostante il traffico: le biciclette sono molto meno colpite dalle condizione del traffico rispetto ai furgoni e pertanto sono più veloci e affidabili (volete una prova? Godetevi una passeggiata con un cargo bike nel centro di Londra).
  • Ingresso nelle aree interdette alle auto: strade strette, strade percorribili solo con le biciclette o aree non transitabili durante il giorno? Nessun problema per le cargo bike! Questo è per esempio il caso di Cambridge (UK), dove Outspoken Delivery offre un servizio di consegna a oltre 200 imprese locali. Recentemente, la società ha vinto il premio “Contribution to reducing the city’s carbon footprint”.
  • Minore impatto ambientale: riduzione delle emissioni di CO2. L’università di Westminster ha calcolato la riduzione potenziale del 62% nel centro di Londra L‘azienda di corrieri Hajtás Pajtás a Budapest (H) ha liberato la trafficata capitale da 100 automobili, con un risparmio di emissioni di CO2 annuali stimato in 150 tonnellate.
  • Immagine verde: un asset importante, come per le inglesi AV2Hire e Gnewt Cargo).
  • Inclusione sociale: non è richiesta nessuna patente per guidare una bicicletta! A Bucarest (RO), un servizio di raccolta rifiuti cartecei con le cargo bike impiega persone svantaggiate come primo passo nella loro integrazione nel mercato del lavoro.
  • Migiore qualità della vita: nessun inquinamento acustico, più spazio per le persone.

Allora perché l’impiego delle (cargo) bike per la consegna delle merci non è diffuso? In accordo con Transport for London il problema più grande sembra essere (l’errata) percezione.
  • Le aziende sono preoccupate per la sicurezza e per il furto sia delle biciclette sia del carico. Questa paura si è rivelata esagerata in quanto durante lo studio non è stato registrato quasi nessun caso di furto. Tuttavia, più cargo bike appaiono in città, più alta è la probabilità di furto. Nei Paesi bassi, il Centro Bicycle Theft distribuisce cargo bike come esca per individuare i ladri.
  • La limitatezza delle distanze e del carico è considerato anche uno svantaggio. Tuttavia recenti modelli di cargo bike possono trasportare fino a 500 kg! Soprattutto nei centri urbani l’ultimo miglio della consegna causa problemi. In questo segmento i lotti sono spesso molto inferiori a 500 kg, eppure sono trasportati in camion di grandi dimensioni. Soluzioni creative sono attualmente disponibili per risolvere questo problema. Nell’ambito del FP7 EU il Progetto STRAIGHTSOL, grazie all’implementazione di sette soluzioni innovative per il trasporto urbano, la TNT belga a breve inizierà a consegnare le merci nel centro urbano di Bruxelles utilizzando un deposito mobile (un carrello speciale) in combinazione con le cargo bike (video). Fino a quando il desposito mobile non sarà pronto per l’utilizzo, la TNT coopera con la società di tricycle logistic Ecopostale (video in francese), utilizzando i loro depositi come base (articolo).
    La città di Berlino ha una una pack station modulare, chiamata BentoBox, installata a ridosso del centro città. Da qui, le cargo bike trasferiscono i pacchi in centro e viceversa. Il sistema è stato prima testato nell’ambito del Progetto CityLog e attualmente è stato integrato nelle operazioni di logistica ordinarie di un servizio di corrieri (Caso studio disponibile su Eltis e un’altra applicazione del BentoBox a Lione).
  • L’affaticamento del conducente e la stagionalità sono indicate anche quali fattori sfavorevoli alla ciclabilità. Non è facile per l’attuale personale passare alla bicicletta, in modo particolare nelle piccole aziende.
  • Inoltre,diversi fattori locali possono ostacolare l’impiego delle cargo bike. La legge belga, ad esempio, non permette ai cicli a tre o quattro ruote di circolare sulle corsie degli autobus, nelle zone pedonali, o controsenso, mentre abitualmente la bicicletta può farlo. Alcune città sono molto collinose e hanno strade acciottolate. Nonostante ciò, Edimburgo ha un servizio di consegne con cargo bike.

Tuttavia, la cycle logistic non è utile solo a fini commerciali, ma anche come soluzione per la logistica privata, per la quale l’automobile è di gran lunga il modo di trasporto più utilizzato per gli acquisti (fonte: ARGUS 2009, p. 9): tre quarti di questi spostamenti potrebbero essere facilmente effettuati in bicicletta.

 

 

CycleLogistics: la soluzione




Source: CycleLogistics photo database


CycleLogistics ha lo scopo di incrementare l’utilizzo delle (cargo) bike quale alternativa ai furgoni e alle auto private – con l’obiettivo principale di ridurre il consumo di energia. Dodici Paesi lavorano insieme e hanno come target società, autorità locali, singoli individui e corrieri per:
  • Campagne Shop-by-bike: La campagna fiamminga (B) Met belgerinkel naar de winkel (Con il campanello in negozio) ha avuto un grande successo: 80.000 persone si sono recate a fare acuisti in bicicletta durante la campagna, in olandese) e il 50% di esse è rimasto a cavallo della propria bicicletta anche dopo la campagna. Nell’ambito del Progetto Cyclelogistics, saranno realizzate 15 campagne in 8 Paesi per promuovere lo shopping in bicicletta. Due campagne, a Vienna e Graz sono già state realizzate con successo durante l’estate 2012. Il report di valutazione è disponibile sul sito web. I supermercati e altri negozi svolgono un ruolo importante nel sostenere la bicicletta per i loro punti vendita. Ad esempio, in Belgio, Delhaize, un grande supermercato con 800 negozi in tutto il Paese,ha realizzato parcheggi per biciclette e offre borse per biciclette a prezzi scontati. E’ stato sviluppato uno schema generale di campagna che sarà adattato alle realtà locali in tutti i Paesi partecipanti.
  • Sistemi di cargo bike sharing, chiamati Living laboratories, offrono alle aziende l’oppotunità di provare le cargo bike e sperimentarne i vantaggi. Tali sistemi sono in fase di realizzazione in 9 città differenziandosi per livello (principiante, intermedio, esperto). La città di Graz ha già avviato il proprio living laboratory. Sette diversi tipi di cargo bike sono stati dati in prestito ad aziende locali interessate. A Bruxelles sono state rese disponibili 3 biciclette, ed è previsto un’estensione del servizio.
  • Consumer tests: dal momento che l’acquisto di una cargo bike è abbastanza costoso e le cargo bike differiscono per diverse caratteristiche dalle biciclette normali, la Danish Cyclist Federation (Federazione ciclisti danese) ha realizzato un test per l’utilizzo dei cicli, rimorchi, rimorchi per lo shopping, borse e cestini. Consulta i risultati qui.

 

 

Verso il trasporto merci con le biciclette: l’importanza della politica

Source: CycleLogistics photo database


I responsabili politici possono promuovere fortemente la cycle logistic, per esempio possono chiudere il centro città al traffico motorizzato e consentirne l’accesso completo ai cicli, sviluppare piani di logistica che favoriscano solutioni non-motorizzate, per citare solo alcune misure. Nell’ambito del Progetto CycleLogistics, a European Cyclists' Federation ha considerato a cosa le città potrebbero assomigliare nel 2050, e cosa le città stanno facendo in Europa per favorire la consegna delle merci con la bicicletta (articolo. E’ importante che le città decidano in merito alla propria qualità della vita, ma anche i Ministeri possono svolgere un ruolo di primo piano. A maggio di questo anno, 52 Ministeri dei Trasporti si sono riuniti a Lipsia per discutere il miglioramento dei trasporti nelle proprie Nazioni. “Ripensare l’ultimo miglio” è stata una delle sessioni aperte del Forum Internazionale dei Trasporti (guarda la registrazione della settima sessione dal titolo Ripensare l’ultimo miglio.

 

 

La Cycle Logistics Federation

Copyright: Outspoken Delivery

Come risultato del Progetto CycleLogistic, circa 60 aziende di cycle logistic hanno unito le proprie forze nella prima Federazione Europea di Cycle Logistics (European Cycle Logistics Federation). Attualmente sono 120 le aziende europee registrate sul sito web della Federazione di Cycle Logistics. Assieme si impegneranno, fino al livello del Parlamento Europeo, nella promozione della bicicletta per il trasporto merci. La Federazione metterà anche in luce esempi di buone pratiche per i federati, condividerà conoscenze ed esperienze disponibili tra i membri e creerà gruppi di pressione al fine di influenzare gli stakeholder. Inoltre, saranno individuate opportunità per condividere promozioni, marketing, ecc e saranno realizzate risorse informative adeguate.

 

 

E’ la stagione…

Source: CycleLogistics photo database


  • Lo scorso Natale, la sede londinese di Carry Me Bikes, una impresa sociale che aiuta famiglie, aziende, etc. ha trasportato i pacchi con la bicicletta e ha dato l’opportunità di provare una cargo bike, offrendo un Servizio Segreto di Babbo Natale in bicicletta: un Babbo Natale con una bicicletta a pedalata assistita ha portato i regali ai bambini.
  • Se vuoi vedere molti Babbo Natale in bicicletta, è necessario andare in Romania. Secondo una tradizione annuale, circa 300 persone vestite da Babbo Natale distribuiscono caramelle ai bambini durante un evento annuale natalizio in bicicletta.
  • Ultimo ma non meno importante, il libro BAMBINI “Natale in bicicletta”, disponibile in 11 lingue, descrive come un pò di tempo fa Babbo Natale è riuscito a consegnare tutti i regali, quando Rudolf era malato …

 

 

Want some more?

  Resta aggiornato con notizie sulla cycle logistic attraverso il sito web di CycleLogistics. E se non sei ancora convinto delle potenzialità della bicicletta, guarda questo video.

 

 

Prossimi eventi

Per ulteriori eventi, ti invitiamo a visitare EPOMM Calendar.

 

ECOMM website allinx feedback subscribe unsubscribe fullscreen news archive